PROGETTARE GLI IMPIANTI

SF

STUDIO

Di INGEGNERIA

FOLLADOR

Impiantistica

 

 

La progettazione degli impianti idraulici, sanitari, elettrici, di riscaldamento, condizionamento e del gas viene svolta da collaboratori esterni di settore, su indicazioni del nostro Studio.

La collaborazione è fondamentale per la redazione dei progetti esecutivi, nell’individuazione dei percorsi preferenziali che non vadano ad intaccare la statica complessiva, nelle scelte sui materiali e funzionali.

Poiché lo Studio si occupa della direzione lavori complessiva, la conoscenza degli impianti diventa fondamentale in riferimento alle fasi realizzative ed alle problematiche di messa in opera.

L’importanza degli impianti tecnici all’interno dell’organismo architettonico incide in modo considerevole sulle spese totali di costruzione e su quelle, non meno importanti, riferite alla gestione dell’edificio stesso o alla sua evoluzione.

L’approccio svolto dallo Studio, tramite i collaboratori esterni, è quello di considerare a monte le implicazioni tecnologiche in modo da ottimizzare la prestazione ambientale, avendo ben chiaro che la progettazione impiantistica inizia dalla progettazione dell’edificio.

Obiettivi essenziali che vengono perseguiti sono il comfort e la funzionalità degli impianti climatici (riscaldamento e condizionamento), la funzionalità per tutti gli altri (distribuzione acqua calda e fredda, distribuzione elettrica), la gestione e manutenzione degli stessi, il dimensionamento e l’ubicazione dei locali tecnici, i sistemi di coibentazione termica e di clima acustico.

Lo Studio si occupa di architettura bioclimatica che rappresenta un esempio di come sia possibile progettare un edificio tenendo conto delle condizioni ambientali ed utilizzando come fonti di energia alternative proprio questi elementi.

Lo Studio promuove ed informa sullo sfruttamento dell’energia solare, sia per il riscaldamento dell’acqua calda sanitaria che per gli ambienti (riscaldamento a pavimento) e sull’utilizzo di sistemi passivi (quali pareti, finestre, schermi) che possano influenzare il microclima interno senza l’apporto di energia primaria.

page0009.htm